Stop alla dialisi

Martedì 15 ottobre 2013

Stop alla dialisi e risonanza planetaria

LETTERA

SUPER-ASSISTENZA DA PARTE DI CARMELO SCAFFIDI

Gentilissimo Prof. Valdo buongiorno. Mi sono permesso di disturbarla perchè ho appena sentito Carmelo Scaffidi. stiamo in contatto telefonico giornaliero e, grazie a lui, sto avendo la carica e la forza giusta per superare questo mio disagio di salute renale, che conosce benissimo anche lei.

PUBBLICHI IL TUTTO CON NOME E COGNOME

Vorrei sentirla almeno al telefono per ringraziarla ancora di persona. Se mi dice l’ora che le fa più piacere, la chiamo. Nel frattempo le invio la tesina che ho mandato anche a Carmelo e può tranquillamente pubblicarla con tanto di nome e cognome.

IL MONDO INTERO DEVE SAPERE

Mi preme far conoscere la mia testimonianza a tutto il pianeta affinchè il mio contributo possa servire a tirare fuori dalla dialisi persone che, come me, sono vittime del sistema medico mondiale.

nell’attesa di una sua risposta, le lascio per ora un Caro Saluto e con un grazie infinito per tutto il resto della mia esistenza.

Pietro Vitale

*****

LA MUSICA NON E’ PIU’ LA STESSA

Questo è quanto asserivo in un messaggio inviato al Prof. Valdo Vaccaro in data 23 luglio 2013, dove si evinceva la mia breve storia di musicista, afflitto e disperato da quando era finito in dialisi il 4 gennaio 2011. La musica non era più la stessa.

DIETA NATURALE E VEGANCRUDISTA VALDIANA E INCONTRO SUPPLEMENTARE CON SCAFFIDI

Valdo Vaccaro mi raccomandò una dieta naturale e viva e cominciai senza indugio ad attuarla. Dopo qualche mese, e precisamente il 22 agosto 2013 ebbi la fortuna supplementare di incontrare pure Carmelo Scaffidi, che esplorandomi l’iride, mi suggerì di aggiungere alla cura già in atto, alcuni accorgimenti salutari.

I MIEI RENI HANNO RIPRESO A FUNZIONARE E DEVO QUESTO A VOI DUE SOLTANTO

Oggi, dopo una potentissima crisi eliminativa, che non sto qui a raccontare nei particolari, mi sento in obbligo costante, fino alla fine della mia esistenza, di ringraziare questi due Signori dotati di umiltà unica e di conoscenze straordinarie, in quanto i miei reni hanno ripreso lal loro funzionalità, tanto che quel fatidico giorno del primo attacco alla macchina dialitica, rimane un offuscato ricordo del passato.

OGGI LE NOTE SONO FINALMENTE CARICHE DI ARMONIA E SPERANZA

Il Grande Maestro Carmelo mi è stato costantemente vicino nel tranquillizzarmi e rasserenarmi, nel superare l’impatto eliminativo che il mio corpo stava subendo e nel farmi riprendere in mano senza timore le sorti della mia salute. Ora la musica sarà sempre la stessa e continuerò a godermi il regalo più splendido che mi è stato regalato e che si chiama vita. con grande stima ed affetto

Pietro Vitale

******

RISPOSTA

LA TUA MAIL E’ UN MAGNIFICO COMPLETAMENTO DEL MEETING BERGAMASCO

Ciao Pietro. Dopo lo straordinario giorno del 12 ottobre alla Casa del Giovane di Bergamo, che ha visto interventi di particolare pregio ed importanza da parte di Franco Libero Manco, Marcello Pamio, Francesco Oliviero, Laura Crivello, Angelo Bonomelli, Flavio Milani, oltre al fuori programma di Domenico Battaglia, medico-chirurgo-urologo autore di Medicina Consapevole per la Draco Edizioni, e gli interventi di rito del Presidente ABIN, Carmelo Scaffidi, e di me medesimo, il tuo messaggio arriva come una ciliegina sulla torta.

GUARIGIONI STRAORDINARIE IGNORATE, SNOBBATE, SOTTOVALUTATE ED AVVERSATE DA MEDIA E DA ISTITUZIONI

Guarire dal Diabete-1 non è cosa da niente, e ci sono state testimonianze straordinarie in tale direzione. Guarire poi come nel caso della tua insufficienza renale e saltar fuori dalla terribile macchina dialitica, contro ogni opinione medica, ha valenza non certo bergamasca o nazionale, ma decisamente planetaria. E’ pertanto un onore per me pubblicare il tuo messaggio affinché venga letto da Dublino a Hongkong, a Montevideo e alle Galapagos. Perché venga letto e tradotto da tutta la gente di buona volontà.

IL PROGETTO PILOTA DENOMINATO CASA DELLA SALUTE MERITA LA GENEROSITÀ POPOLARE

Approfitto anche per ricordare a tutti i lettori di aiutarci a divulgare i nostri messaggi e portare a compimento il progetto pilota della Casa della Salute che sta nascendo a Bergamo, facendo una libera donazione al C.C. Postale 1005214695 intestato all’ABIN-Bergamo. Chiedere denaro non è cosa simpatica e vorremmo tanto farne a meno. Garantiamo però a fatti e non parole che ogni singolo euro sarà impiegato con trasparenza e morigeratezza, per una iniziativa dallo spiccato significato popolare. Qualsiasi donazione, anche di 5, 10 o 20 Euro diventerà preziosa per completare un centro unico di irradiazione igienistica a supporto delle tante iniziative che stanno sorgendo in diverse città italiane.

Valdo Vaccaro

Lascia un commento